Luci della città Arena Pixel Garden

Regia: Charles Chaplin Durata: 89'

Acquista

Charlie Chaplin si affaccia agli anni Trenta con un film muto e sonoro (senza parole, ma con musica ed effetti). Da due anni a Hollywood impazza il film parlato. La novità lo inquieta, ma non lo distrae dalle sue intenzioni. Chaplin sta costruendo, sullo schermo, il suo primo grande romanzo. La storia di un amore folle, di un amore puro, di un amore. Lui è ancora il Vagabondo; lei una fioraia cieca che lo crede un milionario. "Una commedia romantica con pantomima": lo sfondo è la metropoli e i suoi conflitti di classe, ricchi e poveri si sfiorano, si urtano, rimbalzano gli uni contro gli altri, mai ammessi allo stesso discorso. Un mondo che il Vagabondo tiene in pugno con la sapienza del burlesque. Un mondo che davanti allo stesso Vagabondo spalanca la voragine, quando a parlare (senza parole) è il sentimento. Luci della città è un film dalla lavorazione lunga, tormentata, piena di ripensamenti, di sequenze rigirate centinaia di volte. È il film che proietta nell'eternità il genio comico e tragico di Chaplin. Il primo piano finale, ultimo sorriso che davanti ai nostri occhi si congela in disperazione, non è solo una delle scene che definiscono che cos'è il cinema: si fissa sulla tela dello schermo come una delle opere d'arte imprescindibili del Novecento, e oltre ancora.


NUOVA VERSIONE RESTAURATA DA CRITERION COLLECTION IN COLLABORAZIONE CON CINETECA DI BOLOGNA

 

NewsExtra

  Rassegne

IL CINEMA RITROVATO AL CINEMA

FINO AL 30 SETTEMBRE
TUTTI I GIORNI

Visualizza

LA GRANDE ARTE AL CINEMA

STAGIONE 2020-2021 – PARTE I
DA SETTEMBRE A DICEMBRE

Visualizza

NewsletterIscriviti alla newsletter

Inserisci la Tua Email nel campo sottostante per essere sempre aggiornato sulle novità del mondo Pixel!

conte_600x400.jpgmaledetto-modigliani_600x400.jpgcaso-pantani_600x400.jpg