La donna che visse due volte

Regia: Alfred Hitchcock Genere: thriller Durata: 2h e 9'

«Nell'odissea dello spazio e del tempo, miseri amanti, immersi nella spirale di una città, San Francisco, vivono nel desiderio sempre umiliato di un paradiso terrestre impossibile» (Maurizio Del Ministro). Capolavoro tra i capolavori hitchockiani degli anni Cinquanta, di tutti il più esistenziale: sotto la vernice del Technicolor serpeggia il senso del disagio, dell'umana inadeguatezza, della ragione inservibile, delle passioni inutili, d'una tristezza che Truffaut arrivò a chiamare necrofilia. «Perché ci si insinua un sospetto: forse il solo amore eterno di cui siamo capaci è quello per chi non ci appartiene più. L'amore che non muore è l'amore per un fantasma» (Gianni Amelio). Il cinema, ovvero rendere tangibili le regole dell'attrazione: per il vuoto, per la schiena di Kim Novak bordata di seta verde.

Proiezione in lingua originale con sottotitoli italiani

 

NewsExtra

  Rassegne

IL CINEMA RITROVATO AL CINEMA

FINO AL 30 SETTEMBRE
TUTTI I GIORNI

Visualizza

LA GRANDE ARTE AL CINEMA

STAGIONE 2020-2021 – PARTE I
DA SETTEMBRE A DICEMBRE

Visualizza

NewsletterIscriviti alla newsletter

Inserisci la Tua Email nel campo sottostante per essere sempre aggiornato sulle novità del mondo Pixel!

conte_600x400.jpgmaledetto-modigliani_600x400.jpgcaso-pantani_600x400.jpg